“Nel nuovo codice degli appalti l’Anac, l’Autorità nazionale Anti Corruzione, sarà centrale”. Assicura il ministro per le Infrastrutture e i Trasporti, Graziano Delrio (Pd), durante la conferenza stampa del Consiglio dei ministri a Palazzo Chigi, che ha varato le nuove regole per gli appalti. E alla domanda de ilfattoquotidiano.it sull’appello che negli scorsi giorni aveva fatto proprio Raffaele Cantone, sul rischio di una “ridotta funzionalità” causata da una scarsità di risorse, il ministro garantisce: “Faremo in modo che a nuovi compiti corrispondano risorse adeguate per l’Anac a fronte di quanto disposto dal nuovo codice sugli appalti. Vedremo se i fondi arriveranno dal bilancio interno o in altro modo, ad ogni modo andremo incontro a questa sollecitazione. L’Anac non può non funzionare bene”