“Il mio obiettivo è sconfiggere l’antipolitica di cui mi accorgo ogni giorno parlando con i cittadini”. E’ quanto dichiara Roberto Giachetti, candidato alle primarie Pd, tra gli ospiti de La prossima Roma, kermesse politica organizzata dall’ex sindaco Francesco Rutelli. “Le faranno anche Fassina e Marino a sinistra del Pd. Perché non si riconoscono nel programma dem?”. E qui scatta la gaffe. “Io ancora non l’ho fatto il programma, non c’è nessun programma del Pd”, si lascia sfuggire Giachetti. “I nostri candidati non sono tronisti di Maria De Filippi, le primarie servono proprio a sciogliere i nodi programmatici, i programmi si costruiscono dopo le primarie”, minimizza Matteo Orfini, presidente del Pd e commissario di Roma. Che poi spende qualche parola sugli avversari del M5S: “Vorrei capire cosa faranno dell’impresentabile Ferrara che ha sostenuto i balneari abusivi a Ostia, noi non mettiamo la polvere sotto al tappeto come loro”. E ancora: “Non prendo sul serio una competizione ridicola con 300 click forse fasulli sul web, Casaleggio deve scegliere tra le due correnti del partito democratico (ndr del M5s), quella di Roma è una rissa tra la Taverna, Lombardi, Di battista che fanno finta di essere uniti ma litigano tra di loro”, chiosa