Dovevano scovare le anomalie, i pacchetti di tessere fotocopiate in serie, i contributi multipli versati da un unico soggetto: tutto pur di garantire il corretto tesseramento del Pd in Sicilia. E adesso il richiamo all’ordine di Fausto Raciti, il segretario siciliano dei dem che aveva congelato le iscrizioni al partito, inizia a dare i primi frutti. A Favara, in provincia di Agrigento, il comitato per il tesseramento ha deciso di bloccare alcune iscrizioni al partito di Matteo Renzi. Non certo quelle di militanti minori, dato che a finire congelate sono state le tessere richieste da Rosario Manganella, sindaco di Favara, dal suo assessore Rosaria Chianetta e da due consiglieri comunali a lui vicini, Gaetano Caramazza e Calogero Castronovo.

Di cosa si sono macchiati i quattro per vedere il loro nome finire ai primissimi posti della nuovissima lista di proscrizione dei dem siculi? Sono forse storici seguaci dell’ex governatore Totò Cuffaro, appena uscito dal carcere dopo una condanna per favoreggiamento a Cosa nostra? Sono per caso cuffariani in servizio effettivo, che cercano d’infiltrarsi nel Pd, iscrivendo d’ufficio decine di fedelissimi con l’unico obiettivo di prendersi la maggioranza nel partito?

“Tessere false? Per la verità – dice a ilfattoquotidiano.it il sindaco Manganella – l’anno scorso non ho fatto tesserare neanche mia moglie, e con i cuffariani non c’entro nulla: io sono un vecchio militante del Partito comunista”. Quanto vecchio? “Almeno dal 1963, quando fondai la sezione locale della Fgci, poi ho aderito al Pds e ai Ds, ma quando Veltroni ha fondato il Pd sono rimasto fuori”, continua sempre il primo cittadino, eletto nel 2011 con una lista civica. “È vero – chiarisce il sindaco – quella lista era sostenuta anche dal deputato regionale del Pdl Nino Bosco, ma poi abbiamo aderito al Megafono di Rosario Crocetta e da lì siamo confluiti nel Pd”.

È per questo dunque che la tessera di Manganella e dei suoi fedelissimi è stata bloccata? Per quel vecchio appoggio esterno del deputato berlusconiano? In realtà a leggere il verbale del comitato per il tesseramento di Favara, di quell’appoggio targato Pdl alle amministrative 2011 non c’è traccia. Al contrario le tessere di Manganella e dei tre fedeli alleati non sono state convalidate “perché la loro attività politica amministrativa, allorquando tesserati e componenti degli organi direttivi, si è posta ripetutamente fuori dalla linea politica del partito facendo scelte che riguardavano esclusivamente la loro volontà e che sono state fatte fuori e in danno al partito”. Come dire: non hanno fatto scelte gradite al Pd cittadino e quindi la loro tessera è da strappare.

Una specie di vincolo di mandato in salsa democrat agrigentina, ma senza multe in caso di “tradimento”, come ha invece recentemente previsto il Movimento 5 Stelle per le prossime elezioni comunali, raccogliendo sul tema pesanti attacchi proprio dal Pd. E in attesa che sulla questione si esprimano i garanti provinciali del partito, è curioso che a coordinare la commissione per il tesseramento di Favara sia Carmelo Vitello, segretario cittadino dei dem, ex esponente e candidato al consiglio comunale con Futuro e Libertà: in pratica l’iscrizione al Pd dell’ex comunista Manganella è stata congelata da un organo guidato da un ex finiano. Il nome di Vitello, tra l’altro, aveva già guadagnato notorietà sui giornali ai tempi del suo passaggio al Pd, quando a votare per scegliere il nuovo segretario cittadino erano andate a Favara 630 persone, cento in più rispetto a quelle registrate dalle primarie di Agrigento, che però conta più del doppio degli elettori.

Proprio la città dei Templi è tra le osservate speciali in questa fase di verifica delle tessere del Pd. Ad Agrigento, infatti, hanno sposato il progetto made in Leopolda l’ex sindaco Marco Zambuto, già delfino di Cuffaro, la sua vice Maria Pia Vita, per anni leader di Alleanza Nazionale, e il giovane Michele Catanzaro, ex enfant prodige dell’Udc di Totò Vasa Vasa. “Io avevo un milione e ottocentomila voti, il 60 per cento: ora si stanno tutti spostando nel Pd”, aveva detto l’ex governatore, facendo scoppiare la polemica tra i dem. A quel punto Raciti aveva congelato il tesseramento, chiamando in causa le commissioni di garanzia locali e regionali. Che si sono subito messe al lavoro.

Twitter: @pipitone87