Al senato entra nel vivo la discussione sul ddl Cirinnà. Il presidente del senato Pietro Grasso ha bocciato richiesta di voto segreto sull’emendamento Quagliariello-Calderoli per il ritorno in commissione e la maggioranza ha tenuto. La scelta di Grasso ha aperto la strada a scambi di accuse, in particolare è stato il senatore di Gal Carlo Giovanardi ad apostrofare il presidente del Senato come “Servo sciocco del Pd”. Lui non ha mancato di rispondere per le rime: “I suoi insulti sono come medaglie”