Ricevere multe che arrivano fino a 60 mila euro di sanzione per una mancanza del Comune di Roma. Succede nel quartiere Tor Pignattara, zona villini di Santa Maria. Duecento famiglie che vivono senza rete fognaria e nessuno di loro in immobili abusivi, ma tutti con regolare concessione edilizia. “Vorremmo che la città portasse i servizi primari nella zona – afferma Alessandro Bracchini, vicepresidente del Comitato costituito dai cittadini della zona – per poi poter fare l’allaccio ed essere in regola. I cittadini che vivono qui sono ormai 60 anni che si stanno impegnando per avere la realizzazione delle fogne”. E non solo l’opera non è mai stata realizzata, ma da qualche tempo arrivano sanzioni per il mancato allaccio alla rete. Che però non esiste. “Il ragionamento è semplice: mancando il sistema fognario non è possibile allacciarsi”, spiega Carmine Laurenzano, il legale designato dal Comitato. Un vero paradosso al quale si aggiunge un’ulteriore beffa: i cittadini devono pagare in bolletta anche la quota per le acque nere, come se il servizio esistesse davvero. “Ci multano per un servizio che ci spetta di diritto, ma vi rendete conto?”, dichiarano i residenti esasperati ai microfoni de ilfattoquotidiano.it. “Non abbiamo quei soldi e – proseguono – abbiamo sollecitato da decenni il Comune a costruire il sistema di fognature. Ma i fondi non si trovano”. Intanto dal Municipio V arrivan solo promesse: “Cercheremo di non far pagare le sanzioni”  di Raffaele Pugliese, montaggio Paolo Dimalio