Sei licei sono stati evacuati a Parigi in mattinata, dopo aver ricevuto alcune telefonate anonime che minacciavano di “far esplodere delle borse” negli edifici scolastici. Negli istituti sono immediatamente entrate in azione squadre di sminatori della polizia che hanno condotto “accurate ricerche”. Le verifiche sono andate avanti per tutta la mattinata per quello che le forze dell’ordine hanno definito un allarme “preso molto sul serio”.

I controlli non hanno dato alcun esito in cinque dei sei edifici e l’allerta è rientrata intorno alle 14.20, quando gli studenti sono rientrati man mano in aula. Nel sesto complesso scolastico invece, il liceo Henri IV, il preside ha trovato una borsa in un’aula ma si trattava solo di uno zaino dimenticato.

Tra gli istituti evacuati l’Henri IV, Louis-le-Grand nel quartiere di Saint-Germain-des-Pres, e anche Montaigne, Condorcet, Charlemagne e Fénelon. I ragazzi, insieme con i docenti e il personale scolastico, sono scesi nei cortili verso mezzogiorno, dove sono rimasti fino alla fine dell’ispezione da parte degli agenti.

Per la polizia francese si è trattato di “telefonate malevole, come le riceviamo tutti i giorni” ma il fatto che gli obiettivi delle minacce fossero dei licei e tra i più prestigiosi di Parigi, ha convinto gli agenti a verificare accuratamente la presenza o meno di bombe o oggetti sospetti, anche perché, sottolineano, “c’è una certa sensibilità dopo gli attentati“.