L’eruzione, in Messico, del vulcano Popocatepetl – considerato uno dei più pericolosi del mondo – ha lanciato in cielo una colonna di fumo e cenere alta chilometri: l’aeroporto della vicina Puelba è stato costretto a cancellare diversi voli. Il vulcano dista solo 70 km da Città del Messico, quarta città per popolazione del pianeta con i suoi 20 milioni di abitanti, e solo 61 km da Peubla dove vivono 6 milioni di persone. Un’eruzione violenta potrebbe avere conseguenze catastrofiche. Popocatepetl in lingua nahuatl significa “montagna che emette vapore“: il vulcano, infatti, è in continua attività, fin dai tempi dell’epoca precolombiana. L’ultima eruzione violenta fu registrata nel dicembre del 2000, quando 40mila persone furono costrette a lasciare le proprie case. Preoccupa anche l’incremento di attività del vulcano Colima nello stato di Jalisco sul quale si erge una colonna di cenere e fumo alta quasi 2 chilometri (video)