Il nuovo volto del marchio DS approda anche sull’ultimo modello che ancora portava sul muso il “double chevron” Citroën. Con l’ultimo facelift la DS3 segue l’esempio delle più grandi DS4 e DS5 completa l’operazione di distacco, anche estetico, dalla Casa madre. Proprio con la DS3, infatti, la Citroën aveva dato vita a una linea di modelli che poi s’è dimostrata in grado di stare in piedi da sola. A giugno 2014, nell’ambito del programma “Back to the race con cui il nuovo ad Carlos Tavares sta riportando PSA all’attivo, DS è diventato ufficialmente il terzo marchio del gruppo a fianco di Peugeot e, per l’appunto, Citroën. Con l’occasione del restyling, la DS ha aggiornato il sistema multimediale della DS3, introdotto un nuovo cambio automatico e rivisto la plancia.