Abbiamo ghiaccio sulle ali e non vogliamo morire“. Questa la motivazione data dall’hostess del volo Ryanair, che sabato scorso ha volato da Glasgow a Dublino, per spiegare le 8 ore di ritardo del velivolo che doveva, infatti, decollare alle 15.35 ma è partito alle 23.35. Parole che, tuttavia, hanno scatenato la rabbia dei passeggeri