Il metodo è quello classico delle candid camera: telecamere nascoste e trabocchetti. Ma ladri e dolore sono veri. Agli ignari ladri viene tesa una trappola: al sellino di bicicletta incustodita viene applicato un meccanismo elettrico azionato a distanza. Appena il ladro preleva la bici, gli autori azionano il congegno e il malcapitato prende la scossa. La reazione è istintiva: saltano al volo dalla sella e finiscono gambe all’aria