Franco Fortini, in questa poesia, evidenzia con  ironia e saggezza l’impotenza di chi, la guerra, può solo guardarla e sentirne parlare da lontano, dal proprio piccolo “cantuccio” (come direbbe il Pascoli).