Il ministero israeliano dell’Istruzione ha tolto dalla lista dei libri consigliati per le scuole un romanzo dove i protagonisti della storia d’amore sono un’ebrea israeliana e un musulmano palestinese. Censurando il testo per tutelare “l’identità e l’eredità culturale degli studenti in ogni settore”, riporta il quotidiano Haaretz, il ministro ultranazionalista Naftali Bennett non poteva prevedere che la reazione di alcuni giovani liberali di Tel Aviv avrebbe fatto più rumore della sua discutibile decisione. In un video pubblicato dal magazine TimeOut Tel Aviv, delle giovani coppie si baciano. Uomini, donne, eterosessuali e omosessuali. Ma soprattutto sono ebrei e palestinesi. Boom di visualizzazioni nonostante l’incomprensibile decisione di Facebook di togliere il video dalla sua piattaforma. E boom di vendite per il libro censurato, “Borderline” di Dorit Rabinyan