“Alcuni nostri sospetti erano fondati”. Sono queste le prime parole pronunciate da Alessandro Di Battista che, insieme alla deputata e collega Taverna del M5S, ha incontrato in Campidoglio il Commissario straordinario per la provvisoria gestione di Roma Capitale, Francesco Paolo Tronca. Un confronto chiesto dal Movimento Cinque Stelle per fare chiarezza su alcune nomine del Commissario capitolino. “E’ stato un incontro molto schietto” afferma Di Battista e aggiunge: “C’è un dirigente indagato, il Prefetto Tronca ha detto che sta facendo il possibile, noi lo pungoliamo a fare di più”. Il riferimento è a Lucia Funari, ex assessore al Patrimonio e alle politiche abitative della giunta Alemanno, sotto inchiesta per corruzione ma riabilitata da Tronca alla direzione sport. E su una possibile proposta del Pd di rimandare le elezioni a Roma previste per la primavera, il deputato pentastellato avverte: “Siamo pronti a scendere in piazza con i cittadini se dovesse succedere“. Il deputato ha poi concluso che “il Commissario Tronca ci ha detto che sta faticosamente provando ad aprire degli armadi, noi gli abbiamo detto che il Movimento 5 stelle può dargli una mano a sfondare questi armadi”