Expo ha comunicato in modo poco trasparente i dati di bilancio, con un margine operativo lordo di 14,9 milioni, che però non tiene conto di diverse voci di costo, tanto da non permettere di dire se la società chiuderà l’anno in utile o in rosso. Cosa che neppure l’amministratore delegato Giuseppe Sala ha voluto chiarire (video) nel corso dell’evento al teatro Franco Parenti di Milano organizzato per lanciare la sua candidatura alle primarie milanesi del centrosinistra. Ma cosa pensano i suoi principali sostenitori della trasparenza e dell’opportunità di dover dare ragione alle critiche puntuali di Corrado Passera sui dati rivelati? Si va dalla scommessa del consigliere regionale Umberto Ambrosoli (“Sala userà la parola trasparenza in campagna elettorale”) alla soddisfazione del segretario metropolitano del Pd Pietro Bussolati, che sottolinea il successo di un “grande evento popolare e culturale”, passando per il deputato Bruno Tabacci e l’assessore allo Sviluppo Economico di Milano Cristina Tajani, che ammettono la necessità di avere prima o poi qualche numero più chiaro   di Luigi Franco