Da sempre, o almeno da quando esiste la possibilità di ascoltare la musica in streaming legalmente, ci sono delle assenze che, nannimorettianamente, si notano più delle presenze. Su tutte la musica dei Beatles. I Fab Four, infatti, non sono disponibili in nessuna delle piattaforme digitali che permettono l’ascolto senza il download e l’acquisto.

Sicuramente, questo il ragionamento degli aventi diritto, la loro musica non ha bisogno di queste piattaforme, e chi vuole ascoltarle le può comprare, alla vecchia maniera. Del resto stiamo parlando dei Beatles, non c’è molto da dire in proposito, la storia della musica leggera mondiale.

Adesso, però, la faccenda cambia. Da domani (#TheBeatlesStreaming‏), giorno della vigilia di Natale, 24 dicembre, come in un film di quelli che proprio in questi giorni intasano le nostre televisioni, il miracolo di Santa Claus si avvera. La notizia era stata anticipata da Billboard, sito che certifica le classifiche USA, ma solo a livello di voci di corridoio.

Ieri, poi, è arrivata la notizia ufficiale, sul sito Re/Code: i Beatles sbarcano sui canali di streaming, e trattandosi dei Beatles, lo fanno equanimemente su tutti, in contemporanea. Sia quelli gratuiti, come Spotify, che quelli a pagamento. Da domani, quindi, anche gli album e i singoli dei quattro di Liverpool saranno disponibili su Spotify, Apple Music, Google Play, TIDAL e Amazon Prime Music. Gli appassionati di musica, magari, continueranno ad ascoltarli in vinile, ma tanti giovanissimi potranno incontrare i capolavori di John, Paul, George e Ringo. Sarebbe sì un piccolo miracolo di Natale.