E’ Guus Hiddink il nuovo allenatore del Chelsea dopo l’esonero di Josè Mourinho. Il tecnico olandese ha già guidato il club londinese nel 2009. “Sono entusiasta di tornare a Stamford Bridge”, ha commentato il 69enne tecnico al sito ufficiale dei Blues. Intanto lo Special One fa sapere, tramite il suo staff,  che non prenderà un anno sabbatico ed è pronto a cominciare un’altra avventura in panchina.

“Non prenderà un anno sabbatico, non è stanco, non ne ha bisogno. E’ molto ottimista e come sempre guarda avanti”, si legge in un comunicato diffuso dalla stampa inglese. “Jose Mourinho è comunque felice di essere tornato al Chelsea perché è riuscito a portare la squadra alla vittoria di un’altra Premier, titolo che mancava da anni”, prosegue la nota che arriva dopo la rescissione consensuale del contratto di Mou che ha lasciato i Blues dopo una stagione deficitaria con un bilancio di 9 sconfitte in 16 giornate. Fatale quella contro il Leicester di Claudio Ranieri.

“Josè – chiarisce l’agenzia – resterà a vivere a Londra e spera che a lui e alla sua famiglia verrà data l’opportunità di mantenere il suo privato. Non parlerà della sua situazione attuale per il prossimo futuro e chiede ai media di rispettare questa decisione”. Secondo i dirigenti dei Blues, il divorzio con Mourinho si è consumato “di comune accordo“, ma il comunicato accenna all’esonero del portoghese: “Nel corso della sua carriera, Josè a volte ha scelto di lasciare un club, solo al Chelsea è successo che fosse il club a decidere che doveva lasciare. Ogni volta rappresenta per lui la fine di un ciclo e l’opportunità di iniziare uno nuovo. Josè si augura che il suo futuro dopo il Chelsea sia un successo come quando ha lasciato il club nel 2007”.