Prove di fuga per l’Inter che asfalta l’Udinese e per la prima volta manda in gol nella stessa partita Icardi e Jovetic. Mancini gongola e dal divano si gode il pareggio del San Paolo che prepara il terreno al primo allungo della stagione. Negli altri due anticipi il Bologna di Donadoni continua la risalita beffando nel recupero il Genoa mentre Ballardini salva la sua panchina a Palermo piallando il Frosinone formato trasferta, capace di incassare 12 gol nelle ultime tre partite lontano dal Matusa. Passo falso del Milan che lascia San Siro tra i fischi per il pareggio contro il Verona, ancora a secco di vittorie ma capace di strappare un punto grazie al gol del ritrovato Toni. Nella pancia della classifica punti pesanti per il Chievo (sesto assist stagionale di Meggiorini) e l’Empoli contro Atalanta (due espulsi, fanno nove da agosto a oggi) e Carpi. Rinviata per nebbia Sassuolo-Torino, chiude il turno lunedì Lazio-Sampdoria.

Risultati (tra parentesi gli assist)

Genoa-Bologna 0-1: 91’ Rossettini (Brienza)

Ammoniti: Gastaldello, Mounier (B) Espulsi: Perotti (G), Diawara (B)

Palermo-Frosinone 4-1: 5’ Goldaniga (Hiljemark), 17’ Vazquez (Chochev), 24’ Sammarco, 60’ Trajkovski (Chochev), 86’ Gilardino

Ammoniti: Gonzalez, Djurdjevic (P); Blanchard, Pavlocic, Gori (F)

Sassuolo-Torino (rinviata per nebbia)

Udinese-Inter 0-4: 23’ Icardi, 31’ Jovetic, 83’ Icardi, 86’ Brozovic

Ammoniti: Domizzi, Bruno Fernandes (U); Telles, Ljajic, Perisic (I)

Adesso l’Inter si è messa pure a segnare. Quindi occhio, perché se svanisce il grande difetto dei nerazzurri, allora il futuro può tingersi di tricolore. Quattro gol all’Udinese, priva sì della coppia di centrali e di Badu a centrocampo, ma comunque su un campo non semplice. Attenzione anche alle firme: doppietta di Icardi, scavetto di Jovetic. Quei due non avevano mai segnato nella stessa partita e iniziavano a sembrare tatticamente incompatibili. La trasferta in Friuli dice che non è così, anche grazie alle gentili concessioni dei bianconeri. I primi tre gol dei nerazzurri nascono infatti da clamorosi svarioni difensivi sui quali Maurito e JoJo si fiondano rapacemente prima della ciliegina finale di Brozovic, autore di una pennellata di rara bellezza. Da quella che poteva essere una curva pericolosa, l’Inter viene fuori sgasando e avvertendo le avversarie nonostante la difesa non sia stata ermetica come al solito (11 tiri concessi) ma comunque ben protetta da un super Handanovic. Salgono così a 11 le partite senza gol subiti. La storia insegna che i campionati si vincono anche così.

Chievo-Atalanta 1-0: 76’ Birsa (Meggiorini)

Ammoniti: Dainelli, Hetemaj, Radovanovic (C); Grassi, Raimondi (A) Espulsi: Cherubin, Kurtic (A)

Empoli-Carpi 3-0: 46’ Maccarone (Zielinski), 51’ Saponara, 61’ Maccarone (Buechel)

Ammoniti: Gagliolo, Di Gaudio (C)

Milan-Verona 1-1: 52’ Bacca (Luiz Adriano), 57’ Toni (rig)

Ammoniti: Abate, Bonaventura, Kucka (M); Moras, Pisano, Marquez, Wszolek, Gollini (V) Espulsi: De Jong (M)

Doveva essere il double del rilancio, il Milan ne esce con appena due punti conquistati e un gol fatto. Carpi e Verona, penultima e ultima, annuvolano nuovamente il futuro di Mihajlovic e conclamano l’incapacità dei rossoneri di puntare alla Champions League. E forse anche all’Europa in generale. Il Milan gioca male e si suicida subito dopo il vantaggio firmato da Carlos Bacca. Questa volta la frittata è opera di De Jong che neanche cinque minuti dopo la firma del colombiano stende Greco in area: rosso e rigore, che Toni trasforma. Sotto di un uomo e fiaccati nel morale, i rossoneri non riescono a riportarsi avanti nonostante il rientro di Bertolacci, pericoloso in due occasioni nel finale. Piovono fischi sui giocatori e la curva torna a contestare Galliani chiedendogli di lasciare la società. Mentre sull’Inter splende il sole, per l’altra metà di Milano è notte fonda.

Napoli-Roma 0-0Ammoniti: Albiol, Mertens (N); De Rossi, Nainggolan, Gyomber (R)

Juventus-Fiorentina 3-1: 3′ Ilicic (rig), 6′ Cuadrado, 80′ Mandzukic, 91′ Dybala

Ammoniti: Pogba, Mandzukic, Marchisio (J); Alonso, Borja Valero, Ilicic, Vecino, Pasqual (F)

Lazio-Sampdoria 1-1: 78′ Matri (assist Radu), 93′ Zukanovic

Ammoniti: Gentiletti, Berisha (L); Zukanovic, Soriano, Cassano, Carbonero (S)

Classifica (* una partita in meno)

Inter 36

Fiorentina 32

Napoli 32

Juventus 30

Roma 29

Sassuolo 26*

Milan 25

Atalanta 24

Empoli 24

Torino 22*

Chievo 22

Lazio 20

Bologna 19

Palermo 18

Udinese 18

Sampdoria 17

Genoa 16

Frosinone 14

Carpi 10

Verona 7