In attesa dell’intervento del ministro Maria Elena Boschi alla Leopolda 2015, attesa sul palco per la chiusura di sabato, la squadra di ministri e parlamentari renziani fa quadrato intorno al ministro per le Riforme e i rapporti con il Parlamento. “Su di lei è stato costruito un caso solo perché fa audience – si infervora davanti ai microfono il sottosegretario all’Istruzione, Davide Faraone, a proposito della richiesta di dimissioni avanzata da Roberto Saviano -. Vi state esaltando su un tema che non interessa gli italiani. Mia figlia – continua – va a scuola, ma mica c’è conflitto di interessi se sono sottosegretario all’Istruzione”. Tra i tavoli e le sedie della Leopolda nessuna voce fuori dal coro. “Non riesco a capire dove sia il conflitto di interessi” chiede il ministro della Difesa, Roberta Pinotti. Mentre per il deputato renziano della prima ora, Matteo Richetti, “collegare la vicenda della Banca Etruria con la relazione di parentela del ministro Boschi è oggettivamente sbagliato e una forzatura”