Inizia il Giubileo straordinario e ci si interroga sul futuro della Chiesa alla luce dei recenti scandali che hanno scosso il Vaticano. Saprà papa Bergoglio realizzare il dichiarato intento di bonifica morale? Il sostegno popolare non gli manca. Tra le persone che abbiamo ascoltato nei pressi della basilica di San Pietro, molti vedono nel Gesuita di nome Francesco il pontefice che scaccerà i mercanti dal Tempio. Ma c’è chi è pessimista: “Ormai è tardi, la corruzione è troppo radicata”. E chi è scettico: “E’ un uomo solo, osteggiato dai poteri di sempre, non sarà facile”. Ma pure chi non ha simpatia per le gerarchie d’Oltretevere gli riconosce, nonostante gli errori, integrità morale: “Un interlocutore come lui lì dentro non l’avevamo mai avuto”. E voi come la pensate? Papa Francesco è ostaggio o nemico della corruzione vaticana? Vi fidate della sua opera di riforma? Dite la vostra nei commenti e votando la risposta che vi convince di più  di Piero Ricca, riprese e montaggio Mauro Episcopo