Milano ha vinto il City Access Award 2016 per le buone pratiche in tema di accessibilità per le persone con disabilità motorie, sensoriali e con ridotte capacità di movimento. Il premio è stato consegnato ieri a Bruxelles dal commissario europeo per l’Occupazione e Affari sociali, Marianne Thyessen.

Il riconoscimento viene assegnato ogni anno dalla Commissione europea e dallo European disability forum ed è la prima volta che una città italiana riceve questo riconoscimento. Le altre quattro finaliste sono Kaposvar (Ungheria), Tolosa (Francia), Vaasa (Finlandia) e Wiesbaden (Germania). “È un risultato eccezionale. Il premio dell’Unione Europea rappresenta il coronamento degli sforzi compiuti in questi mesi dall’amministrazione comunale e dalle associazioni delle persone con disabilità – commenta Alberto Fontana, presidente Lega per i diritti delle persone con disabilità -. Ma non dobbiamo fermarci: c’è ancora tanto da fare. Questo premio deve essere un punto di partenza per rendere Milano una città sempre più accogliente e accessibile, non solo per le persone con disabilità motoria e sensoriale. Ma per tutti”.

Presente alla premiazione l’assessore alle Politiche sociali, Pierfrancesco Majorino e alcuni rappresentanti delle organizzazioni milanesi delle persone con disabilità tra cui Marco Rasconi, presidente di Ledha Milano e Nicola Stilla, presidente Unione Ciechi Lombardia.

“È stato Franco Bomprezzi (giornalista, blogger e già presidente nazionale Ledha scomparso a dicembre 2014) a dare una prima, importante spinta al lavoro svolto in questi mesi dalle associazioni delle persone con disabilità e dal Comune – sottolinea Rasconi presente alla premiazione -. Il metodo di lavoro scelto, che ha portato a ricevere questo importante riconoscimento, è stato quello di indicare le problematiche dell’accessibilità e focalizzarsi su alcuni temi in particolare, come i dieci percorsi accessibili in vista anche di Expo“. Nel dossier presentato da Milano alla Commissione europea per la partecipazione al premio, c’è stato anche il capitolo di Expo 2015. Oltre 37mila sono stati i biglietti a prezzo ridotto venduti da Società Expo ai visitatori con disabilità – conferma la Ledha – di cui 6mila per ingressi di più giorni e 30mila i biglietti gratuiti emessi a favore degli accompagnatori. Sono 20mila i turisti con disabilità che – di persona o telefonicamente – hanno richiesto informazioni all’info point Disabilità Expofacile di Regione Lombardia, ubicato presso Cascina Triulza. Circa 15mila i mini-scooter elettrici e le carrozzine noleggiati dal Mobility Center di Expo a persone a mobilità ridotta.