“Venduti Venduti”. E’ finita così, con il pullman della Juve Stabia scortato dalla polizia e i giocatori accusati di combine. Troppo strano, secondo gli spettatori, l’andamento della partita con l’Ischia (Lega Pro girone C). A tre minuti dalla fine gli stabiesi conducono 5 a 3 e sembra che le tante emozioni siano finite; ma su un calcio d’angolo per gli isolani la palla viene mancata da tutta la difesa giallo-blu, il portiere Polito non riesce a bloccare il pallone e il tap-in di Patti riapre la partita. Due minuti dopo l’episodio più contestato: cross molto lento dalla destra, Romeo non spazza, la palla gli rimbalza sullo stinco: autogol, 5-5 e fischio finale.

Il dopo-partita è iniziato da quell’ultimo gol, con i tifosi infuriati non per il risultato negativo ma per le modalità da cui è nato. Anche perché se il finale del match è stato rocambolesco anche il resto dell’incontro non è stato da meno: tre gol nei primi dieci minuti e squadre a riposo sul 4 a 3, con la Juve Stabia sempre avanti e l’Ischia costretta ad inseguire. Secondo Positano news, quotidiano campano affiliato al network di Lettera43.it, sotto accusa da parte dei tifosi sono finiti in particolare il difensore Marco Migliorini e il portiere Ciro Polito.

L’estremo difensore non è infatti sembrato impeccabile su più di un gol. In particolare sul 4-3 di Florio, sul tiro da fuori area si butta con il tempo giusto ma non allarga il braccio e la palla s’infila in rete. Polito ha un curriculum importante con tante stagioni in serie A, tra Catania, Atalanta e Sassuolo. Ma nel 2012 è stato anche sfiorato dal calcioscommesse. Fu tirato in ballo da Carlo Gervasoni, ex calciatore squalificato a vita proprio per le combine. “Ho appreso da Gegic che qualche giocatore del Grosseto e in particolare Ciro Polito aveva venduto la partita favorendo la vittoria del Livorno“, dichiarò in un interrogatorio al procuratore Stefano Palazzi facendo riferimento a Livorno-Grosseto di serie B del 2009. In seguito il portiere però non fu mai indagato nella seconda ondata del calcioscommesse.

Nonostante i tanti dubbi dei tifosi, tuttavia, difficilmente partirà un’indagine sulla partita anche perché al momento non ci sono elementi oggettivi da cui partire: la Federbet, agenzia che monitora le scommesse sugli eventi sportivi, non ha registrato nulla di sospetto. Il segretario generale Francesco Baranca, sentito da ilfattoquotidiano.it, ha infatti escluso che ci siano stati flussi anomali sulle puntate di Juve Stabia-Ischia. La pensa così anche l’allenatore campano Nunzio Zavettieri: “Io posso garantire lavoro 24 ore al giorno sui limiti di questa squadra. Se poi dovessi avere sentore, come voi temete, di altro, sarò il primo a dimettermi”.