Duro j’accuse del senatore di Forza Italia, Maurizio Gasparri, ai servizi segreti italiani nel corso del talk show di approfondimento politico Omnibus, su La7. Il parlamentare critica fortemente la mancanza di pragmatismo del governo Renzi, accusato anche di sottovalutare il pericolo di cellule jihadiste nel Paese, e rincara: “I nostri servizi segreti sono inefficientissimi. Salah Abdeslam (uno dei terroristi latitanti responsabili delle stragi di Parigi, ndr), ad esempio, ha preso il traghetto a Bari quest’estate e nessuno si è accorto di nulla. A Merano sono stati trovati sette presunti jihadisti solo grazie ai Ros e non certo ai servizi segreti: avevano addirittura il sussidio pubblico e la casa perché erano considerati rifugiati”. Gasparri cita anche il caso di Brescia e aggiunge: “C’è in Italia un ritardo di reazione, nonostante una presenza inquietante di cellule. Questi hanno scorrazzato in lungo e in largo per il Paese. Quindi, i nostri servizi sono attualmente un costo inutile. Giustifichino la loro esistenza, dal generale Esposito a tutti gli altri. Facciamo nomi e cognomi. Siamo preoccupati