No al Giubileo costoso, pagato con i soldi dei contribuenti italiani, se il Vaticano lo vuole lo faccia sborsando di tasca propria”. Così il ‘movimento cittadini’ ha protestato oggi in piazza Montecitorio a Roma contro l’evento voluto da Papa Francesco. Pochi a manifestare, una trentina in tutto. Secondo i partecipanti, a meno di due settimane dall’inizio del Giubileo, la città non è per niente pronta secondo i manifestanti. “Atac e Ama sono sotto organico, mancano mezzi, i vigili sono in protesta, di venti cantieri solo otto sono conclusi, la città commissariata è allo sbando, non sarà un successo come l’Expo, se di successo si può parlare, non sarà un’opportunità di rilancio della città, la paura ha già inciso su prenotazioni e viaggi, l’atmosfera non è quella di un evento giubilare ” afferma Francesco Crocensi, portavoce del movimento. Per i manifestanti il Giubileo sarà invece un pericolo, l’opportunità di offrire un’ottima vetrina ai terroristi “Il rischio di attentati è alto, le forze di polizia sono insufficienti e comunque sempre pagate dallo Stato Italiano“. “Non è un evento al chiuso come l’Expo sarà difficile garantire la sicurezza ai pellegrini ” aggiungono altri. “E’ un evento imposto dal Vaticano, noi italiani stiamo pagando per un evento cattolico in uno Stato laico, è incredibile, è un sopruso” concludono delle ragazze