“Corsa alle amministrative di Milano? Corsa…”. Già delle prime battute di Roberto Formigoni, si comprende bene quanto gli esponenti di centrodestra credano nella possibilità d’imporsi per la vittoria a Palazzo Marino, per la quale Silvio Berlusconi (leader di Forza Italia), ha proposto a Fratelli d’Italia e Lega Nord, la candidatura a sindaco di Alessandro Sallusti. Per l’ex Presidente della Regione Lombardia, oggi senatore del Nuovo Centrodestra: “Con Sallusti la coalizione è destinata alla sconfitta. Milano non è una città di destra, una coalizione Berlusconi-Meloni-Salvini è destinata alla sconfitta, buon viaggio verso il baratro, se è questo che hanno scelto, vanno al suicidio. Mi sembra – aggiunge Formigoni ai microfoni de ilfattoquotidiano.it – che Berlusconi, una volta di più, si sia sottomesso alla volontà di Salvini”. “Salvini – sottolinea il capogruppo di Alleanza Popolare (Udc-Ncd) Maurizio Lupi – si ricordi che io e lui siamo entrati in consiglio comunale nel 1993, la Lega prese il 40% e fu un disastro assoluto”. Anche l’ex ministro Maurizio Lupi boccia la scelta del leader di Forza Italia: “La candidatura di Sallusti – dichiara alle nostre telecamere – rappresenta la resa di Berlusconi. Così perde il centrodestra”. Dunque, sembrano aprirsi ampie praterie alla vittoria di Giuseppe Sala, la cui candidatura è stata lanciata dal presidente del Consiglio e segretario del Partito democratico, Matteo Renzi. “Se la candidatura di Sala esce dalle primarie del Pd noi non ci stiamo – avverte Formigoni -, ma se Renzi avesse il coraggio di presentare la candidatura di Sala, come una coalizione simile a quella del governo nazionale, ci sarebbero le condizioni per dialogare”. Un primo passo verso il ‘Partito della Nazione’? “Non un partito, una coalizione nuova sì”. Anche a Maurizio Lupi piace Sala, sindaco di Milano: “E’ stato il city-manager della Moratti, abbiamo lavorato bene insieme”. E dopo aver confermato che lui non si candiderà, l’ex ministro sottolinea che Ncd lavora ad una candidatura autonoma rispetto al Pd: “Oggi in campo c’è la candidatura di Corrado Passera”. Ipotesi di sostegno alla candidatura del leader di ‘Italia Unica’ confermata da Formigoni: “E’ una persona con cui dialogare”. Il M5S: “Milano non è Sedriano. Il M5S non ha spazio per una vittoria a Milano”, pronostica Formigoni  di Franz Baraggino e Manolo Lanaro