LE MANI BUCATE DI PELL. QUANTI ATTICI PER LA CURIA
Tutte le spese del grande moralizzatore del nuovo corso voluto da Papa Bergoglio nella anticipazioni del libro Avarizia, domani in libreria. Di Fabrizio D’Esposito

L’editoriale di Marco Travaglio
A una prima occhiata, lo si direbbe un Monsù Travet grigio e secchione come se ne vedevano tanti, quando la Pubblica Amministrazione non era ancora una succursale dei reality, perfetta per i suoi super-ego dei Bertolaso e dei Gabrielli. O meglio, non se ne vedevano perché i prefetti erano invisibili: laboriosi, non boriosi. Il guaio, per Francesco Paolo Tronca, prefetto uscente di Milano e commissario entrante di Roma, è che non c’è spazio per i tipi come lui nel grande Truman Show italiota.

SE QUESTO È UN MANAGER. L’AUDIT EXPO BOCCIA SALA
Gianni Barbacetto svela un dossier contenente refusi, inadeguatezze e mancati riferimenti sull’appalto più grande dell’area, per i quali gli auditors bacchettano direttamente il commissario

L’INTERVISTA A LERNER – RENZI? UN PESSIMO SEGRETARIO MA PD RESTI UNITO
Così il giornalista risponde a Silvia Truzzi sul caso Roma: “Le dimissioni dal notaio senza discussione in Campidoglio non sono un bel segnale”. E sulle amministrative a Milano: “È una bella notizia che Sala prenda in considerazione l’impegno politico”.

ERA DAVVERO MAFIA CAPITALE, QUATTRO CONDANNATI
Arrivano le prime sentenze, quelle con rito abbreviato, dell’inchiesta “Mondo di mezzo”. Riconosciuta l’aggravante di aver favorito l’associazione mafiosa a Emilio Giammuto, accusato di corruzione. Di Valeria Pacelli

ANAS, L’UOMO FORTE DI ARMANI NELLE CARTE DELL’INCHIESTA
Marco Lillo ricostruisce il profilo di Stefano Liani, promosso alla guida di una delle più importanti direzioni centrali. Non è indagato ma viene spesso citato dai carabinieri del Ros

L’UFFICIO DI AL QAEDA NEL BOSFORO, GRANDE RETROVIA DEL JIHAD
Da luglio la Turchia si è unita alla guerra contro l’Isis, ma al momento bombarda più i curdi che gli jihadisti. Non ha mai chiuso la frontiera con la Siria, facendo così da retrovia ai gruppi ribelli. Da Istanbul, il racconto di Francesca Borri

CAMERON CI RIPENSA: “NIENTE RAID IN SIRIA, SIAMO INGLESI”
Dalla commissione Esteri di Westminster un chiaro avvertimento al primo ministro: se porterà la questione in Parlamento, il governo sarà battuto. Sullo sfondo, le scuse di Tony Blair per l’Iraq rafforzano l’opinione pubblica contraria alla guerra. Di Caterina Soffici

ORA COPERTURE FALSE, DAL 2017 IN POI LACRIME, SANGUE E TANTE TASSE
Bankitalia, Istat, Corte dei Conti e Ufficio parlamentare di bilancio smontano la legge di stabilità. Nell’analisi di Marco Palombi, ecco spiegato come, per finanziare questa manovra, il governo dovrà aumentare Iva e accise dall’anno successivo

RIMASUGLI – GRAZIE RENZI PER LA VERITÀ SULLA SPENDING. “COS’È? I TAGLI” La rubrica di Marco Palombi
“Matteo Renzi ha il pregio, che condivide con Silvio Berlusconi, di essere allergico ai minuetti del linguaggio burocratico della politica. Tutti quegli eufemismi arrivati da Bruxelles – tipo “allineare i salari alla produttività” per dire “taglio degli stipendi” – gli sono estranei”

UNIONI CIVILI, LA CHIESA HA LEGIFERATO PRIMA
L’adozione di norme che riconoscano le unioni di fatto contrappone laici e cattolici integralisti e oggi lo Stato deve stare attento a non urtare il Vaticano. Eppure, secoli fa, ai tempi del nascente diritto canonico era stata fissata una sorta di unione di fatto “ante-litteram”: la Chiesa si era saputa adeguare. Di Gian Carlo Caselli

BANKITALIA, IL MINUETTO COI PM HA ROVINATO LA BANCA SPOLETO
I capi della Vigilanza sapevano da dieci anni delle scorrettezze del presidente, ma hanno lasciato fare. Così un istituto sano è crollato in poco tempo. Di Giorgio Meletti

LA BCE SOTTO ACCUSA: IL MISTERO DEGLI INCONTRI PRIVATI CON I BANCHIERI
L’Agenda completa di Draghi e di altri membri del board dimostra che non sono infrequenti meeting con grandi istituti bancari alla vigilia di importanti decisioni. Di Stefano Feltri

IL RISPARMIO AI TEMPI DEL QE: RISCHIARE TUTTO O PERDERE SOLDI
Investire i propri soldi prestandoli a uno Stato o addirittura a un’azienda è diventato un ‘rischiatutto’. Un esempio, i titoli che il Tesoro ha piazzato titoli di Stato con tasso negativo. Con alcune controindicazioni per i risparmatori: alla fine, potrebbero essere loro a dover scucire altro denaro. Di Salvatore Gaziano e Alfonso Scarano

NON LASCIAMO LA CRISI AI GOVERNI, SERVONO TUTELE AUTOMATICHE
La crisi della Grecia insegna: per salvare l’Europa è necessario dare più risorse all’Ue, rendendo uniformi le prestazioni sociali e creando tutele europee contro la disoccupazione. Di Ilaria Maselli

“ISTIGÒ IL PATTO CON RIINA”. MANNINO VERSO LA SENTENZA
Atteso per oggi il verdetto a carico dell’ex ministro Dc Calogero Antonino Mannino, considerato “l’istigatore principale” della trattativa Stato-mafia. Chiesti 9 anni dai pm. Di Sandra Rizza

MARGHERITA SARFATTI, LA VERA MOGLIE DI BENITO MUSSOLINI
Fu lei, ebrea e poi perseguitata, ad accompagnare il Duce verso il fascismo, fu lei a insegnargli il mondo, l’arte e la disinvoltura. Così spiega Rachele Ferrario nell’ultimo saggio La regina dell’arte nell’Italia fascista. Di Pietrangelo Buttafuoco

COLLODI OGGI SCRIVEREBBE SOLTANTO “CLASSICINI”
Collodi e Rodari sono troppo “noiosi”. Le favole e i libri che abbiamo amato da bambini sarebbero troppo lenti per i ragazzi di oggi, che preferiscono le letture veloci del web. Di Elisabetta Ambrosi

ASCOLTI TV, ARRIVANO I BIG DATA A SALVARCI DAL TIRANNO AUDITEL
L’odiatissimo Auditel è tornato, dopo tre settimane di astinenza (a causa di un errore umano). Ma il futuro sarà l’aggregazione di dati estratti dal web, dove non conterà più solo lo share. Di Veronica Gentili