E’ morta all’età di 55 anni Vera Schiavazzi. La giornalista de La Repubblica si è sentita male nel suo giorno di riposo, ad Asti. Inutile la corsa all’ospedale delle Molinette, a Torino. Schiavazzi, che aveva scritto il suo ultimo pezzo sul giornale di mercoledì in cronaca, un articolo che parlava dei tagli ai servizi per i tossicodipendenti, era tornata a lavorare a La Repubblica dopo oltre dieci anni di guida del Master di giornalismo ‘Giorgio Bocca’ di Torino.

“Una persona di grande impegno e dedizione civile, una persona solare e generosa, sempre attenta agli altri sia nella quotidianità del lavoro che nella sua vita privata”, le parole di cordoglio del presidente della Regione Piemonte Sergio Chiamparino.

La Schiavazzi aveva cominciato a scrivere appena terminato il liceo, nel 1979, collaborando con il quotidiano Stampa Sera. Dopo il praticantato alla Gazzetta del Popolo dal 1982, collabora con Il Messaggero. Nel 1989, dopo 4 anni all’agenzia giornalistica Agi e con l’apertura dell’edizione torinese, passa a La Repubblica. Ha collaborato con numerose testate, tra cui Marie Claire, Gioia e Panorama.