“L’Italia è indietro anni luce nella tutela delle madri che praticano sport a livello professionistico”. Lo raccontano Kathrin Ress e Isabelle Yacobou, giocatrici simbolo della Famila Wuber Schio. Le due atlete sono madri rispettivamente di Sebastian e Lulu e vivono quotidianamente la difficoltà di conciliare la cura dei propri figli con il ritmo degli allenamenti: “Se un’atleta rimane incinta, non esiste nessuna tutela – spiega la Ress – ma si è costretti a saltare una stagione senza avere alcun aiuto”  di Simone Bauducco