IL RETICENTE DEL CONSIGLIO L’editoriale di Marco Travaglio
“Ahiahiahi, signor Renzi, lei mi cade sulle cene! L’altro giorno, quando il premier & C. hanno preteso le dimissioni del sindaco Marino per aver mentito su qualche cena da poche centinaia di euro ciascuna, avevamo come il sospetto che la scelta di alzare improvvisamente l’asticella dell’etica pubblica si sarebbe rivelata un boomerang, o almeno un pericoloso precedente per molti”.

RENZI COME MARINO: CENE PRIVATE A CARICO DEL COMUNE

L’INTERVISTA – GLI SCONTRINI DEL PREMIER: PARLA IL RISTORATORE FIORENTINO AMANTINI
“Renzi era sempre qui. Non era mai solo e portava la qualunque. Io, intanto, fatturavo al Comune”. Di Davide Vecchi

L’INCHIESTA – RAPPORTI TRA IL VICE DI UNICREDIT E LA MAFIA: IL GOVERNATORE TOSCANO ENRICO ROSSI TEME RIPERCUSSIONI
Ci sarebbe un effetto Palenzona pronto a terremotare l’ufficio di presidenza del governatore della Toscana, Enrico Rossi. Dopo la vicenda degli scontrini che ha costretto Marino alle dimissioni, l’indagine della Dda di Firenze minaccia di fare un’altra vittima tra le fila del Pd. Di Davide Vecchi

ESCLUSIVO – GHEDDAFI JR AVVERTE L’ITALIA: “PRONTO A TORNARE AL POTERE”
“Combatteremo sino alla fine”, In un sms e una videochiamata, il secondogenito del colonnello Saif al-Islam Gheddafi – prigioniero a Zintan e condannato a morte da un tribunale di Tripoli – rivolge un appello disperato al governo italiano, all’indomani dell’intesa sulla riunificazione politica del Paese: “Il progetto di Leon fallirà, l’Italia spieghi la vera situazione del territorio ai partner internazionali”. Di Beatrice Borromeo

L’ANALISI – CASO LIBIA: EX GHEDDAFIANI E ISIS TUTTI UNITI CONTRO L’ACCORDO
Omar Aswad, rappresentante di Zintan, alleato di Tobruk e del generale Haftar (ex gheddafiano), sarà uno dei cinque membri del Consiglio di presidenza per la formazione del governo unitario. A lui e ai suoi si oppone però il governo di Tripoli, considerato illegittimo secondo gli alleati di Tobruk. Sulla trattativa peserà come un macigno la contestata condanna a morte del prediletto del colonnello, Saif al-Islam. Di Arturo Varvelli, Responsabile dell’Osservatorio Terrorismo dell’Ispi

ROMA, MILANO E NAPOLI LA LUNGA ROTTA DEL VOTO
Amministrative di maggio. Mille comuni al voto, in gioco ci sono gli equilibri della politica nazionale. Da un parte il Pd, alle prese con il dubbio primarie, dall’altra l’intramontabile B. che avverte “Voglio sindaci-manager”. Di Davide Milosa

LE UNIONI CIVILI ASPETTANO, PER I SOLDI AI PARTITI SI VOLA
L’approvazione della legge Cirinnà sui diritti alle coppie omosessuali slitta a data da destinarsi. La priorità dei partiti al momento è il ddl Boccadutri (ex Sel, ora Pd): la norma che salva l’ultimo residuo di finanziamento pubblico ai partiti. Di Tommaso Rodano

IL PD HA IN SCACCO GLI EDITORI CON IL REGALINO AI GIORNALI
L’obbligo di pubblicare gli avvisi legali doveva finire nel 2016, poi è stato ripristinato, infine tolto. Ma c’è già l’emendamento che riapre la partita. Secondo Realacci del Pd: “Non è sufficiente lo stop in Commissione. Devono decidere il Mit e l’Anac”. Di Carlo Di Foggia

MARINO, SIAMO DIVENTATI UNA DEMOCRAZIA CAUCASICA
“Nella tragicommerdia Marino, la domanda che pochi si fanno riguarda il voto dei circa 680mila cittadini che, nell’estate 2013, lo hanno eletto sindaco di Roma. Non si tratta di una difesa postuma del personaggio che, per quanto ci riguarda, non abbiamo mai smesso di criticare per le condizioni disastrose in cui versa la Capitale, anche per sua responsabilità e inettitudine”. Di Antonio Padellaro

ROMA, ISTRUZIONI PER FARE IL SINDACO Il commento di Furio Colombo
“Roma. Si è appena conclusa una storia incredibile, fondata su sarcasmo, denigrazione, calunnia, uso deliberatamente squilibrato dei media, necessità di cancellare il passato, urgenza, anche teatrale e scenografica, di creare una città disastrata”.

UN UOMO ONESTO CHE HA AGITO COME UNO STOLTO Il commento di Bruno Tinti
“A me Marino piace. Prima di tutto perché non è mai piaciuto al Pd, che è una raccomandazione mica da poco. E poi perché trovo irresistibile quel ‘Provi a connettere quei due neuroni che ha e a farli funzionare’”.

ATTENTATO DI ANKARA – I CURDI GRIDANO: “PACE!” MATTANZA AL LORO CORTEO
“Stavano ballando la tipica danza curda, mano nella mano, quando due bombe sono esplose. Il bilancio degli attentati nei pressi della stazione di Ankara è pesantissimo: 86 morti, tra i quali alcuni bambini e centinaia di feriti. Le foto mostrano decine di corpi tra le bandiere dell’Hdp”. Di Roberta Zunini

MARTIN SCHULZ E L’UOMO IN FRAC: LA DEMOCRAZIA AI TEMPI DEL TTIP La rubrica di Marco Palombi
“Il Telegraph in un articolo uscito martedì (segnalato da vocidallestero.it) riporta una notizia sfiziosa: in un rapporto dell’Europarlamento sulle sue spese – pubblicato nella Gazzetta Ufficiale Ue – si legge che il presidente dell’assemblea, il socialdemocratico Martin Schulz, ha un ufficio con 35 dipendenti compreso ‘un aiutante in frac che lo aiuta a ricevere gli ospiti e lo aggiorna sugli eventi’”.

L’INCHIESTA SUI CATTOLICI, CHE NON HANNO PIÙ BISOGNO DELLA CHIESA
Lontano dai palazzi vaticani e dai mille vincoli della dottrina, cresce una generazione di fedeli indipendenti. Al di là delle formalità, c’è una spiritualità essenziale, che se ne infischia del celibato dei preti e delle solennità cardinalizie. Di Marco Marzano

SEMPRE IN VETTA – IL TEMPO GENERA MOSTRI (SACRI) ROGER&DAVID, L’ETERNO SUCCESSO
A vent’anni dall’ultima reunion, i furono Pink Floyd restano miti inarrivabili. Oggi un film e un disco ne celebrano la vita, la carriera e, soprattutto, l’immensa qualità. Di Andrea Scanzi

L’INTERVISTA AD EDWIGE FENECH – L’ATTRICE INTERPRETA IL RUOLO DELLA NONNA IN “E’ ARRIVATA LA FELICITÀ”
Per Fellini ero “Ubaldina”: faccio sempre come voglio ma mi sento un po’ noiosa. Di Malcom Pagani e Fabrizio Corallo