MARTEDI’ 6 OTTOBRE IN EDICOLA

IL PROCESSO DEL LUNEDI’ – IL PD SALVA I PORNOVERDINI – BARANI E D’ANNA FUORI PER 5 GIORNI (E NON 10 GRAZIE AI NEO-ALLEATI DEM)
Processo al Senato, sconto di pena ai verdiniani. L’ufficio di presidenza ha deciso di sospendere per 5 giorni Barani e D’Anna dopo i gesti osceni rivolti alla senatrice Barbara Lezzi del M5s. Per Grasso: “Minata la credibilità delle istituzioni”, ma il Pd dimezza la sanzione ai colpevoli. Di Luca De Carolis

DENIS TRA UN TRIBUNALE E L’ALTRO: UN “MOSTRO” PER CINQUE PROCESSI
La storia giudiziaria di Denis Verdini, il mostro di Loch Ness resuscitato dal Pd, ora ago della bilancia nel processo di revisione costituzionale. Un curriculum che parla da solo: su di lui pendono 5 rinvii a giudizio. Si va dall’affare P3 alla corruzione per gli appalti della Scuola dei marescialli di Firenze; dalla bancarotta del Credito cooperativo fiorentino alla plusvalenza nella vendita di un appartamento di via della Stamperia a Roma e, last but not least, la bancarotta fraudolenta per il fallimento della Società Toscana di Edizioni. Di Davide Vecchi

IL DUO TOSCANO L’editoriale di Marco Travaglio
“Dopo il coming out di monsignor Krzysztof Charamsa e del suo fidanzato Eduard, altre coppie di fatto stanno uscendo allo scoperto. Domenica, sempre davanti alle tv, è stata la volta del Duo Toscano: Matteo Renzi e Denis Verdini hanno deciso di ufficializzare una lunga relazione clandestina ormai sulla bocca di tutti; ma per il debutto, per non dare troppo nell’occhio, hanno preferito due programmi diversi anche se in contemporanea, l’uno su Rai3 da Lucia Annunziata e l’altro su Sky da Maria Latella, secondo la formula dell’unione a distanza”.

L’INTERVISTA – “IL PD: UN PASTROCCHIO NON DI SINISTRA, LA CASA NATURALE PER VERDINI”
“Il Pd non è un partito moderato. E’ un nuovo modello pericoloso, che sta dilagando in tutta l’Europa”. Luciana Castellina, storica dirigente comunista, mette sotto accusa il partito di Renzi e l’idea che porta avanti dell’uomo solo al comando. L’intervista di Giampiero Calapà

AIR FRANCE: RIVOLTA DEI DIPENDENTI, MANAGER SCAPPA A TORSO NUDO
Un centinaio di persone hanno fatto irruzione nella sede della compagnia, urlando slogan contro i dirigenti. Il capo risorse umane, Xavier Broseta, si è visto costretto a scappare a torso nudo, con la camicia strappata. Secondo il sindacato Cgt, l’uomo ha dovuto scalare “delle barriere per salvarsi”. Di Luana De Micco e con un’analisi di Leonardo Coen

L’INTERVISTA AL CARDINALE BASSETTI
“Il sinodo non è un talk show”. L’intervista al cardinale che, alla vigilia dell’evento, aveva dichiarato che l’assemblea non è “un congresso di partito o una competizione sportiva in cui bisogna aspettarsi che qualcuno vinca un’elezione o una gara”. Di Carlo Tecce

INTERCETTAZIONE CROCETTA: DUE CRONISTI DELL’ESPRESSO A GIUDIZIO IMMEDIATO
Calunnia e diffusione di notizie false. Sono le due accuse mosse dalla Procura di Palermo a Piero Messina e Maurizio Zoppi di i due giornalisti dell’Espresso che avevano pubblicato l’intercettazione tra Crocetta e Tutino. La procura di Palermo ha chiesto il giudizio immediato per Piero Messina e Maurizio Zoppi. Di Giuseppe Lo Bianco

L’ESPRESSO, IL VACCINO LAICO TRA INCHIESTE, GOSSIP E FOTO OSÉ
I primi 60 anni. Quel primo numero del 1955 terremotò il panorama dei giornali italiani: rubriche di costume, scoop sul potere e firme come Moravia, Zevi & c. Antonio Padellaro racconta le sei decadi del settimanale, uno “shock modernissimo” fatto di sintesi e sostanza.

AMIANTO OLIVETTI: DE BENEDETTI, PASSERA E COLANINNO A PROCESSO
Colletti blu, morti bianche. Il Gup di Ivrea Cecilia Marino ha rinviato a giudizio 17 persone per 13 dipendenti morti e due colpiti da tumori legati alla “fibra killer”, utilizzata tra il ’63 e il ’96 per assemblare macchine da scrivere e come materiale edilizio. Tra gli imputati figurano nomi di peso della finanza italiana. Di Andrea Giambartolomei

A IMOLA, LA FESTA DEL MOVIMENTO: PRONTO IL PROGRAMMA DI GOVERNO
Si apre la due giorni del ritrovo nazionale del M5s. Grillo e Casaleggio saranno i trascinatori dell’evento, sull’onda dei sondaggi che capovolgono lo scenario rispetto alla disfatta dello scorso anno delle Europee. Alla kermesse sarà presentato il programma dei pentastellati alle prossime elezioni politiche. Di Tommaso Rodano

EXPO, RECORD A SETTEMBRE MA TROPPO POCO RISPETTO ALLE PREVISIONI
Boom di visitatori a settembre per la fiera di Milano, ma la proiezione finale da una cifra al di sotto dei 20 milioni di visitatori previsti. Nell’ultimo mese sono stati 4 e mezzo circa gli ingressi registrati, ben oltre le aspettative. Ciò nonostante, anche con le più rosee previsioni per il mese di ottobre, l’Expo contenderà ad Hannover il record di presenze al negativo nelle edizioni degli ultimi 50 anni. Di Gianni Barbacetto

ISRAELE: C’E’ IL RISCHIO DI UNA TERZA INTIFADA
Gerusalemme anno zero. Dopo un anno di tregua, riprende il conflitto e la città è di nuovo nel caos. La scintilla questa volta è scattata con l’attacco omicida di domenica sera, in cui un palestinese ha ucciso due ebrei ortodossi nella Città Vecchia. Altri due ragazzi, palestinesi di 18 e 12 anni, sono rimasti uccisi negli scontri con l’esercito israeliano. Un altro, di 15 anni, è stato accoltellato. Di Roberta Zunini

PROMESSA SUICIDA DI HILLARY: “SE VINCO, FERMERÒ LE ARMI”
La democratica candidata alla presidenza degli Stati Uniti lancia il guanto di sfida a Obama e agli avversari repubblicani. Così però rischia di perdere i voti di una fetta dell’elettorato che ritiene intoccabile il diritto ad avere una pistola. Di Valerio Cattano

MONDAZZOLI, OPERAZIONE LIBRO UNICO DELLA NAZIONE
All’indomani dalla chiusura dell’affare da 127,5 milioni di euro, i piccoli editori si dicono preoccupati per la biodiversità e la sperimentazione del mercato editoriale. Secondo il ministro Franceschini “il governo non può e non deve intervenire. Sarà l’Autorità Antitrust a valutare l’operazione, nella sua totale indipendenza”. Di Elisabetta Ambrosi e Carlo Di Foggia

MIGRANT EXPRESS: IL RACCONTO IN QUATTRO PAGINE DI VIGNETTE
“Il 21 settembre ho preso un aereo sola andata per Budapest. Perché l’ho fatto? Volevo vedere di persona il mare di migranti che premeva alle porte d’Europa”. Il racconto illustrato di Natangelo sul suo viaggio tra Austria e Ungheria.

GIUDICI E POLITICA, SERVONO LE REGOLE Il commento di Piergiorgio Morosini
“Eletti e cooptati. Famosi e sconosciuti. “Chiamati” come “tecnici” o a “furor di popolo” per la notorietà conquistata nelle aule di giustizia. Di magistrati che “entrano in politica”, si parla spesso di questi tempi. Non è un fatto nuovo. Tra i precedenti illustri abbiamo, solo per citarne alcuni, Oscar Luigi Scalfaro e Luciano Violante”.

CANCRO KILLER: IL GIALLO SENZA SOLUZIONE DI HENNING MANKELL
Fino all’ultimo. Morto il giallista Henning Mankell. L’autore dei romanzi dell’inquietudine svedese ha lasciato un diario sulla sua malattia, che Marsilio pubblicherà a giorni. Di Fabrizio D’Esposito