Roberto Calderoli, dopo aver presieduto l’Aula di Palazzo Madama, mostra l’algoritmo che ha generato gli oltre 82 milioni di emendamenti presentati dalla Lega Nord al ddl Boschi: “Ma solo un attimo”, precisa. Per Anna Finocchiaro, senatrice Pd e presidente della commissione Affari costituzionali: “Quella di Calderoli è un’offesa alla democrazia“. Ma il diretto interessato ribatte: “Semmai una difesa perché questa riforma è pericolosa e dopo le buone ora proviamo a modificarla con le cattive”. Calderoli lascia intendere che l’enorme mole di emendamenti presentati serve ad aprire un canale di dialogo con maggioranza ed esecutivo per aumentare i poteri delle regioni nel futuro Senato: “Possono anche essere ritirati immediatamente, qualche segnale è già arrivato dal governo questa mattina. Da chi? Si dice il peccato non il peccatore” di Manolo Lanaro