Scacco a una delle pandilla più pericolose al mondo radicata anche a Milano: il Barrio 18rivale storica della Mara Salvatrucha che l’11 giugno scorso si rese protagonista dell’aggressione a colpi di machete contro un capotreno che rischiò di perdere il braccio sinistro. Durante le indagini i detective del dirigente della Squadra mobile Alessandro Giuliano hanno sventato il tentativo di uccidere proprio uno dei componenti della Ms13 che l’11 giugno partecipò alla violenza di Villapizzone. Questa mattina quattordici presunti esponenti del Barrio salvadoregno sono finiti in carcere, uno agli arresti domiciliari. Mentre un’altra persona è ancora ricercata. Nel gruppo erano finiti anche due italiani, un ragazzo e una ragazza, che si sono avvicinati alla banda per motivi di spaccio, ai quali non è stata contestata l’associazione a delinquere “perché  non erano salvadoregni”, una condizione necessaria per poter far parte del Barrio 18 a tutti gli effetti.

In manette sono finiti anche i capi, ‘Gato’ e ‘Perro’. Al secolo Denis Josue Hernandez Cabrera e Miguel Angel Gomez. Gli indagati sono accusati di associazione per delinquere, tentato omicidio, rapina aggravata, spaccio di droga, ricettazione, lesioni personali aggravate e detenzione e porto di armi da sparo e da taglio: reati commessi tra gennaio e ottobre 2014. La maxioperazione Barrio ha preso il via dopo la denuncia del 5 dicembre 2013 di una giovane salvadoregna che aveva denunciato di aver subito violenza sessuale da un affiliato alla gang. Il lavoro della Mobile ha permesso di mettere a nudo il Barrio 18 e di filmare il rito di affiliazione di due aspiranti membri. Un rituale violento che bisogna superare per entrare a far parte della gang: resistere a un pestaggio a sangue degli altri componenti (guarda). “Da quel momento in poi – si legge nell’ordinanza emessa dal gip Paolo Guidi su richiesta del pm Enrico Pavone – il neoaffiliato dovrà rispettare le regole ed i codici e non potrà più uscirne”.

Parole confermate agli investigatori da un ex membro che non è stato coinvolto nell’operazione di oggi: “Voglio precisare che io in passato sia quando erano in Salvador che in Italia, ho fatto parte della banda chiamata ’18’ ed ero chiamato ‘Condor‘. Ora da circa sei mesi ne sono uscito. Quando sono entrato in questa banda – racconta – ho dovuto superare una prova di iniziazione che è consistita nel resistere per 18 secondi ad un pestaggio che mi è stato fatto da quattro membri della banda”. Ma il pestaggio è solo uno dei possibili modi per entrare. Perché “durante l’indagine – scrive ancora il giudice – è emerso che, in alternativa, i soggetti da arruolare potevano essere sottoposti a un’altra prova; ai candidati poteva essere affidata la ‘missione’ di aggredire e accoltellare un affiliato della banda rivale”.

Le principali attività del gruppo sono lo spaccio e le rapine. I soldi che arrivano dalla droga – piccole dosi di marijuana e hashish – finiscono nelle “quote associative” che devono garantire “il sostentamento dei compagni detenuti”, come nelle organizzazioni criminali classiche, ha spiegato Giuliano. Ma il vero obiettivo della gang, che aveva scelto come base via Sammartini e l’ex Parco Trotter, nei pressi di via Padova, era quello di imporre la propria supremazia sulle altre altre bande per controllare il territorio con agguati, pestaggi e aggressioni, come nella logica dei gruppi di Los Angeles. “E’ questo il loro principale core business”, ha spiegato in conferenza stampa il dirigente della Mobile.

Michele Gese, 22 anni, che era rimasto vittima di un’aggressione in piazza de Angelis a Milano a febbraio dell’anno scorso, è stato arrestato perché, con altri componenti del Barrio 18, è accusato di tentato omicidio di Jackson Jahir ‘Lopez’ Trivino, il 22enne membro della gang rivale Ms 13, a sua volta coinvolto nell’aggressione al capotreno. Il 26 gennaio 2014, infatti, Lopez Trivinho, detto “Peligro“, era stato aggredito Set Club di via Massarani, mentre veniva inseguito con un machete da 9 degli arrestati di oggi, tra cui il capo 31enne della banda Denis Josuè Hernandez Cabrera, “Gato” e da Gese.