Ripeto, è una fetenzia ma voterò a favore, perchè altrimenti ci sarebbero le elezioni anticipate che sarebbero una rovina“. Così il senatore Vincenzo D’Anna (capogruppo del Gruppo Alleanza Liberalpopolare Autonomie), ormai una bandiera del soccorso verdiniano al governo Renzi, ospite de “La Zanzara” (Radio 24) spiega perché è pronto a regalare alla riforma del Senato un voto favorevole a dir poco clamoroso, nonostante sia stato tra i più duri oppositori al ddl Boschi a Palazzo Madama. E D’Anna non ci sta a passare per il politico che si batte solo per la poltrona: “Non me ne po’ fregà de meno…. a furia di dire certe cazzate delegittimate il parlamento e ci fate passare per una manica di straccioni che stanno lì a dover campare dello stipendio”. Ma le dissertazioni del senatore proseguono anche su altre questioni politiche. Su Silvio Berlusconi dice: “Come tutti i grandi non ha eredi, come la Regina Elisabetta. L’unica cosa che poteva fare era regalare Forza Italia a Renzi“. Poi l’attacco a M5S: “Sono dei nullafacenti, nullatenenti e arrivano all’ardire di giudicare fatti e persone a cui non arrivano neanche ai garretti“. Stoccata anche per il ministro delle Riforme, Maria Elena Boschi: “Devo dire la verità: non brilla per particolare acume ma la bellezza aiuta”