Fischi e boati di disapprovazione per il governatore della Liguria Giovanni Toti (Forza Italia), che dal palco della Versiliana, alla festa del Fattoquotidiano, ha sfidato il pubblico esprimendo opinioni su alcuni temi spinosi: “Il mio centrodestra un modello di sviluppo diverso da quello del m5s e del Pd”, e poi scende nel dettaglio: “Sono convinto che il problema dei migranti si risolve sulle coste dell’Africa, non in Italia” e, ancora, va a prendersi i fischi sulla spesa militare: “Sono anche convinto che gli F35 vadano comprati“. Specificando che: “Sono convinto che contro l’Isis serva un intervento molto forte, che siano le Nazioni unite, la Nato o l’alleanza intergalattica, qualcuno si faccia promotore di una coalizione, perché Isis sta distruggendo valori fondamentali di un intero continente è come dire che quando Hitler ha occupato Danzica noi ci giriamo dall’altra parte, non sono per il pacifismo senza se e senza ma”. Altre contestazioni sul tema energetico: “Tutte le volte che in aereo passo tra Italia e Francia e vedo la differenza di illuminazione che c’è tra i due paesi. E penso alle differenze di costo: io sono pentito che questo paese non abbia il nucleare