la politica non serve a nienteEsce oggi per Rizzoli il mio libro “La politica non serve a niente“; sottotitolo “perché non sarà il palazzo a salvarci”. 
 
Vi anticipo qui sotto un brano dell’introduzione, così ve ne fate un’idea. 
Dalla grande recessione che ha travolto l’Italia e l’Europa nel 2009, tutti abbiamo potuto misurare nella vita quotidiana la portata delle sfide che le nostre società devono affrontare. Risalire la china in cui è sprofondata la nostra economia. Accogliere migliaia di profughi che arrivano da Paesi vicini. Dalla caduta del muro di Berlino a oggi mai si era avvertito tanto un bisogno di politica, di leadership, nazionale e globale. Di idee, di visioni, di scelte, di qualcuno che si prenda la responsabilità di decidere. Invece ci troviamo di fronte sempre più spesso al vuoto. Di contenuti, di decisioni, di potere. Gli slogan della politica nazionale si accumulano nei titoli dei giornali, fanno discutere in qualche talk show e poi svaniscono, privi di conseguenze.
In Italia parliamo sempre delle stesse cose: la burocrazia che strozza la crescita, l’assenza di meritocrazia, i costi della casta, è tutta colpa dell’euro, le siringhe che al Sud costano dieci volte più che al Nord. Tutto qua. E chiediamo a qualcuno – ai politici – di fare qualcosa. E loro non lo fanno. Magari non ci provano, magari hanno altre meno nobili priorità, ma anche quando ci provano non ci riescono. Sono quindi arrivato, per citare Altan, ad avere pensieri che non condivido: la politica non serve a niente. O meglio, non serve più a niente.
Il politologo britannico Matthew Flinders sostiene che noi detestiamo la politica perché ci siamo dimenticati che ha una natura “specifica e limitata”, cioè che non può fare tutto. Vediamo tutti i giorni che le decisioni dei nostri governi non sono più in grado di incidere sulle scelte di fondo della nostra vita, eppure è sempre a loro che continuiamo a rivolgerci in cerca di aiuto. Noi elettori chiediamo sempre di più ai nostri politici che si sentono incentivati a promettere risultati mirabolanti, riforme radicali, prosperità per tutti.
Ci sono due sole soluzioni per ristabilire un rapporto sostenibile tra cittadini e governi: o aumentare l’offerta, o ridurre la domanda. I politici devono imparare a promettere meno, possibilmente soltanto quello che possono realizzare, e i cittadini devono ridimensionare le loro aspettative. Ma il mondo sembra andare in un’altra direzione, perché le domande del pubblico sono insaziabili, i problemi della società sempre più complessi, le risorse disponibili sono insufficienti e migliorare un po’ l’efficienza del settore pubblico non basterà mai a sistemare tutto.
Se la politica non serve a niente, dobbiamo tutti rassegnarci al declino? È il caso di iniziare a ragionare anche sull’ipotesi che la risposta a questa domanda sia semplicemente: “Sì”. Ma all’orizzonte si vede una forza in grado di compensare lo svaporamento di autorità dei governi: la tecnologia, portatrice di un cambiamento epocale che sta sconvolgendo gli equilibri e spostando il potere dai governi alle imprese. E alle persone.
È la prima volta che i grandi cambiamenti della società sfuggono così completamente alle scelte della politica. Il processo decisionale è troppo lento per inseguire e indirizzare i cambiamenti dell’innovazione, lo spazio in cui si crea il valore aggiunto troppo impalpabile, i protagonisti del cambiamento troppo potenti e globali per essere affrontati da piccoli Stati nazione. Ma il fatto che la politica sia diventata inutile non è detto che sia una cattiva notizia.
La politica non serve a niente 
di Stefano Feltri 
Pagine: 210
Prezzo: 17
Editore: Rizzoli