Si è svolto questa mattina presso il ministero per le Politiche agricole un vertice per discutere delle misure di contrasto al caporalato dopo le denunce nelle campagne italiane. Il ministro competente, Maurizio Martina, assicura che il piano del governo sarà operativo nelle prossime due settimane. Fra le misure – si apprende – la confisca dei beni per le aziende che si macchiano del reato, assistenza legale per i braccianti e responsabilità in solido per si avvale di lavoro nero. Ma il presidente di Coldiretti, Roberto Moncalvo, avverte: “Bisogna stare attenti ai prezzi delle merci agricole, perché se sono troppo bassi è ovvio che le aziende in questione hanno sfruttato la manodopera”