“Un risultato utile, perché ha stabilito in forma definitiva il principio molto importante, che non sarà la giustizia indiana a gestire la vicende dei Marò. Sarà l’arbitrato internazionale come l’Italia aveva chiesto, a gestire questo caso”. Così il ministro degli Esteri, Paolo Gentiloni, ha definito il verdetto del tribunale internazionale di Amburgo sul caso dei due fucilieri di marina. Il ministro ha parlato a margine di un incontro organizzato al Meeting Cl di Rimini. Proprio qui, poco prima, il ministro Graziano Delrio si era mostrato meno ottimista: “La sentenza non va nella direzione che avevamo richiesto”  di Giulia Zaccariello