Otto persone sono state arrestate a Catania da polizia e guardia di finanza perché accusate di aver organizzato la traversata dalla Libia alla Sicilia in cui sono morti asfissiati, nella stiva del barcone, 49 migranti. Secondo le prime informazioni i presunti scafisti sono tutti di giovane età e si tratta di tre marocchini, quattro libici e un siriano. Sono stati loro, secondo gli investigatori, a condurre lo scafo di 13 metri salpato dalla Libia, come raccontato da molti degli oltre 300 superstiti nel frattempo sbarcati a Catania. 

Intanto proseguono gli sbarchi. La Capitaneria di porto di Reggio Calabria ha salvato 113 migranti iracheni mentre erano a bordo di un barcone in legno al largo della costa reggina. L’imbarcazione era in difficoltà a causa delle pessime condizioni del mare. L’allarme è scattato quando un aereo dell’Agenzia Frontex ha avvistato l’unità a circa 110 miglia a sud-est di Capo Spartivento. Le motovedette della Guardia costiera, grazie anche l’azione di due mercantili giunti in zona, sono riuscite ad effettuare in tutta sicurezza le operazioni di trasbordo dei migranti. A circa 65 miglia a sud-est di Capo Spartivento, dopo circa tre ore di navigazione, i migranti sono stati tutti trasbordati sul pattugliatore della Marina militare croata Mohorovicic che poi ha fatto rotta per Messina.

Sbarchi e morti non si registrano solo in Italia, come raccontano le cronache in Grecia e in Macedonia. Almeno cinque migranti sono morti annegati mentre cercavano di raggiungere la Grecia dalla Turchia. Il barcone su cui viaggiavano per cercare di raggiungere Kos è affondato vicino a Akyarlar, al largo di Bodrum. A bordo c’erano 29 persone di nazionalità siriana, tra cui anche alcuni minori. Gli altri migranti sono stati salvati dall’intervento della guardia costiera turca e trasportati in ospedale. Kos si trova a soli 4 chilometri dalla costa turca.

L’Alto commissario delle Nazioni Unite per i rifugiati (Unhcr) afferma che dall’inizio dell’anno il numero di rifugiati e migranti giunti in Grecia è di oltre 160mila, di cui 21mila sono sbarcati solo nella settimana scorsa.