Gli amministratori delegati delle società ferroviarie Trenitalia, Vincenzo Soprano, e Svi (Società Viaggiatori Italia), una filiale della francese Sncf, il francese Frédéric Fhal, sono indagati dal pm di Torino Raffaele Gauriniello nell’ambito dell’inchiesta sui rischi legati alla presenza di un solo macchinista su alcuni treni in Piemonte.

Secondo il pm Guariniello, che ipotizza i reati di violazione del testo unico sulla sicurezza dei lavoratori e omissione colposa di cautele antinfortunistiche, il tempo necessario a soccorrere un macchinista colto da malore quando il treno si trova in galleria è eccessivo, fino a 40 minuti. Lo scorso anno erano state impartite prescrizioni alle due società ferroviarie e a una terza che si è adeguata. Nei confronti di Trenitalia e Svi, invece, le Asl hanno emesso verbali di “rivisita negativa” proprio per il mancato adeguamento.

La figura del macchinista unico è figlia di una vera e propria rivoluzione varata due anni e mezzo fa: alla guida del treno c’è un solo operatore, supportato da tecnologie all’avanguardia. In un paio di procure, quella di Torino e quella di Roma, ci sono delle perplessità. Soprano, nella capitale, è indagato insieme a un alto dirigente Trenitalia per una serie di presunte violazioni della legge del 2008. Il fascicolo era stato aperto ai pubblici ministeri di Genova e in seguito mandato a Roma per ragioni di competenza territoriale. Lo scorso gennaio un gip ha respinto la proposta di chiudere il caso (originato da alcune denunce su guasti e incidenti) con una sanzione pecuniaria.

Guariniello, nel capoluogo piemontese, ha in corso due procedimenti a carico di Soprano. Il primo si riferisce al pericolo di “stress da lavoro correlato” per i macchinisti, che a quanto pare, secondo il magistrato, non è stato messo bene in evidenza nel documento di valutazione dei rischi. Il secondo è legato ai tempi di soccorso. Se l’operatore si sente male in galleria, il convoglio dovrebbe essere portato all’uscita (o all’imbocco) del tunnel, ma chi lo fa? Esiste del personale addestrato adeguatamente? Queste le domande su cui si punta a far luce.

Le Asl di zona, di concerto con Guariniello, lo scorso anno avevano eseguito alcuni controlli impartendo delle prescrizioni a Trenitalia, a Svi e a una terza società dedita al trasporto merci. Solo quest’ultima, adesso, risulta in piena regola. A carico di Trenitalia e Svi, invece, le aziende sanitarie hanno emesso verbali di ‘rivisita negativa’. E la procura di Torino ha aperto all’indagine penale. I due procedimenti dovrebbero essere riuniti nelle prossime settimane.