Fine settimana di Ferragosto sotto la pioggia per molte zone della Penisola. Una nuova perturbazione atlantica sta transitando sulle regioni centro-settentrionali, provocando forti nubifragi e violenti temporali. La Protezione civile ha diffuso, in accordo con le Regioni coinvolte, una nuova segnalazione di gravi condizioni meteo che muterà sensibilmente il clima con temperature in diminuzione anche di dieci gradi in meno di ventiquattr’ore. Il maltempo nel week end potrebbe rivelarsi una vera e propria tempesta estiva, caratterizzata dalla caduta di fulmini, grandinate e colpi di vento.

A Genova, già questa mattina, un intenso temporale ha colpito e allagato la città ligure spostandosi da ponente verso levante. La Guardia costiera ha comunicato ai naviganti di non utilizzare le proprie imbarcazioni, dal momento che sono state avvistate trombe d’aria sul mare di fronte al capoluogo. Sono al lavoro i vigili del fuoco per diversi ascensori bloccati e per alcuni quadri elettrici incendiati nella zona del centro genovese in seguito ai fulmini. Le precipitazioni hanno provocato piccoli e temporanei allagamenti sulle strade, in particolare nel ponente e in Valpolcevera, a causa della saturazione dei tombini. Anche domani sono previsti temporali su tutta la Liguria.

Codice giallo, invece, in Toscana fino alla mezzanotte di domenica per consistenti perturbazioni temporalesche. L’avviso di vigilanza è stato diramato dalla sala operativa della Protezione civile regionale. Solo due settimane fa proprio a Firenze si era abbattuto un violentissimo nubifragio con grandine, che aveva messo in tilt l’acquedotto fiorentino, scoperchiato tetti e bloccato la linea ferroviaria.

Anche la Protezione civile della Campania ha emesso un avviso di criticità per le avverse condizioni meteorologiche, a partire dalle 24 di questa sera fino alle otto di domani mattina. In particolare, piogge diffuse e temporali colpiranno in mattinata la fascia costiera. Sono intervenuti i vigili del fuoco anche a Bologna, a seguito di un violento temporale con forti raffiche di vento che hanno fatto cadere un albero, bloccando via Bellinzona. Si continua a spalare il fango nelle strade di Rossano, in provincia di Cosenza, dove mercoledì scorso si è scatenato un nubifragio che ha provocato lo sfollamento di circa 600 residenti della zona colpita, ora ridotte a solo una trentina.

Un altro nubifragio si è verificato nella provincia di Pordenone, colpendo in modo particolare la zona compresa tra Azzano Decimo, Fiume Veneto, Prata e Pasiano. I vigili del fuoco del comando provinciale e dei tre distaccamenti di Maniago, San Vito e Spilimbergo hanno già eseguito una sessantina di interventi per alberi caduti, cartelloni stradali sradicati e alcuni tetti scoperchiati tra cui la copertura del teatro di Azzano Decimo. Fra gli interventi più difficili, ha segnalato la sala operativa di Udine, uno a Tarcento, dove il forte vento ha divelto una parte della copertura di Villa Moretti. Disagi minori in provincia di Gorizia, dove i pompieri sono stati impegnati soprattutto nella rimozione dalla sede stradale di un grosso albero nella zona di Dolegna del Collio.