Sta circolando una notizia che potrebbe far impazzire di gioia la generazione di chi è cresciuto negli anni Novanta: pare, infatti, che la serie Willy, il principe di Bel-Air sia in procinto di tornare in televisione a vent’anni dalla fine. A rivelarlo è il sito TV Line, secondo cui la società di produzione di Will Smith (che deve alla serie l’esplosione della sua carriera) sta lavorando a un revival a sorpresa. Si è ancora a una primissima fase del progetto, e ancora manca anche la rete tv pronta a trasmettere l’eventuale nuova serie. Nbc, il network che dal 1990 al 1996 ha trasmesso la serie originale, ha fatto sapere di non essere coinvolta nel progetto di Smith, ma che si siederebbe volentieri a discutere con l’attore di Men in Black e Io sono leggenda.
Si sa ancora pochissimo, a partire dal fatto se si tratti di un sequel o di una riedizione delle vicende della famiglia Banks con nuovi attori. Qualora Will Smith dovesse prendere parte in prima persona, tornando nei panni di Willy, sarebbe davvero difficile immaginare il personaggio con le stesse attitudini, gli stessi movimenti, lo stesso slang. Will Smith è cresciuto, Willy anche. Ma soprattutto sono cresciuti i telespettatori che allora seguivano le sue avventure. E allora il revival forse dovrebbe sviluppare nuovi sentieri narrativi, magari raccontando un Willy diverso, maturato, padre di qualche adolescente bizzoso, “fresh” come il papà dei tempi d’oro. Ma è ancora presto per le speculazioni sulla trama. Prima c’è da fare il tifo per un progetto embrionale, sperando che arrivi in porto.