Vis à vis vivace tra il direttore de ilfattoquotidiano.it, Peter Gomez, e il senatore del Pd, Giorgio Tonini, durante la trasmissione In Onda, su La7. L’argomento del dibattito verte sul clima di sfiducia e di indignazione degli italiani nei confronti della politica, tema affiorato dal caso del luna park di Tarquinia, dove poi è stata aggredita l’inviata Sara Giudice. “C’è da essere preoccupati” – commenta il parlamentare dem – “Il Paese attraversa una crisi da tanti anni, che non è solo economica, ma anche politica e istituzionale e l’inconcludenza della politica alla fine non fa che alimentare tra la gente l’idea che i politici siano un costo inutile, anzi dannoso”. E aggiunge: “C’è una sola risposta a questa ondata lunga di indignazione: fare le cose, farle bene, fare le riforme. Guai se anche questa legislatura andasse perduta”. Interviene Peter Gomez, che chiede: “Perché non parla anche di una crisi etica e morale? Perché non pronuncia le stesse parole del presidente della repubblica Mattarella? Non è solo un problema di fare le cose, c’è un problema che si traduce, tra gli italiani, del non rubare, come è avvenuto nel caso degli immigrati, dell’alta velocità, degli appalti pubblici, dei finanziamenti alla politica”. E chiosa: “E’ questa, a mio avviso, la prima rivolta che vorrebbero vedere gli italiani di destra, di centro e di sinistra. Un cambiamento etico