Quando vado a Roma ho due punti fermi : Silvano Agosti e Nicolino Pompa. Due amici, due poeti. Nicolino è anche conosciuto come Paladino sghembo, un poeta sghembo con la sua verità sghemba, cenare insieme a lui è sempre un’esperienza di vita, mi piace vederlo mangiare, mangia con gusto e mangia in modo sghembo, si soffia il naso con il tovagliolo, ma questo gesto fatto da lui assume una strana eleganza sghemba. E quando parla di sé lo fa con il pudore estremo di chi non nasconde nulla, un pudore paradossale, un pudore sghembo. Frequentare i poeti è divertente perché la verità in fondo è divertente. La verità è sghemba, cambia aspetto e colore, dipende da quale angolazione si decide di osservarla. La verità fugge, e Nicolino resta, resta in questo video ritratto, uno dei miei preferiti, una cena sghemba, con digestione sghemba.

Aforisma del giorno:

L’universo mi fa il solletico, tutta la creazione è un gioco.