C’è un piccolo festival che esalta come valore assoluto il cortometraggio nel cinema. E come se non bastasse torna dopo un anno di purgatorio “sul continente”, alla sua splendida cornice dell’isola d’Elba. Parliamo di UniversoCorto, edizione 2015, il festival con un concorso internazionale per cortometraggi riservato a studenti universitari e delle scuole di cinema, che si svolgerà dal 29 luglio al 1 agosto a Marciana Marina sull’isola d’Elba. La storia è lunga, e c’è pure un sindaco, quello di Porto Ferraio – dove la kermesse è stata organizzata dal 2010 al 2013 – che l’anno scorso gli preferì un torneo di calcetto, tanto che l’organizzazione tornò per un giorno a Pisa dove il festival nacque e rimase dal 2004 al 2009.

Anche se per UniversoCorto non sembra mai esaurirsi la forza propulsiva nel cercare i migliori corti al mondo girati da studenti universitari e partecipanti alle scuole della settima arte di ogni paese del mondo. Si rinnova quindi il patrocinio con le Università Cà Foscari di Venezia e “La Sapienza” di Roma, quella del Molise e della Calabria, quella per gli Stranieri di Perugia, quella di Cassino, di Pisa, Torino, Siena e Palermo. In più è arrivato l’invito del sindaco Andrea Ciumei di Marciana Marina per torna all’Elba e il gioco è fatto. Presidenza onoraria al regista Roberto Faenza, direzione artistica di Francesco Monceri, oltre 250 i corti arrivati alla selezione, realizzati dai più promettenti giovani registi del mondo (vincitori di prestigiosi festival come il Sundance, l’Oscar, Cannes, Venezia, David di Donatello).

Tra questi The Bravest, the Boldest di Moon Molson; Mi ne mozhem zhit bez kosmosa – We Can’t Live Without Cosmos di Konstantin Bronzit; Cailleach di Rosie Reed Hillman; World of tomorrow di Don Hertzfeldt (vincitore Sundance Film Festival – qui il trailer https://vimeo.com/ondemand/worldoftomorrow); La bambina – Bache di Alì Asgari ITA/IRAN (presentato al Festival di Venezia 2014); A Single life di Joris Oprins, Job Roggeveen, Marieke Blaauw; The Script di Zhang Li; Animo resistente di Simone Massi (Autore del manifesto del Festival di Venezia 2015 e vincitore del David di Donatello).

Ma tra i tanti lavori che finiscono ad UniversoCorto ce ne sono parecchi che vengono cacciati senza appello, tra cui Scacco Matto con protagonista l’allora amichetta di Berlusconi, Noemi Letizia. “Il clamore più grosso fu proprio quando nel 2009 rifiutammo quel corto – ha spiegato al FQMagazine il direttore artistico Francesco Monceri – Uscirono articoli su tutti i quotidiani nazionale e ci tempestarono di chiamate. E che dovevamo fare? Non ci piaceva, era brutto. L’abbiamo scartato come centinaia di altri che continuano ad arrivarci ogni anno”. La Presidenza di giuria 2015 tocca all’attore e doppiatore Luca Lionello protagonista di Nero Bifamiliare e The Passion di Mel Gibson, ma anche recentemente sul set de Il giocatore invisibile, diretto da Stefano Alpini, tratto dall’omonimo romanzo di Giuseppe Pontiggia, in uscita in autunno nelle sale cinematografiche. Infine ci sarà anche un appuntamento per presentare Mario Dondero. Incursioni sul set, libro “creato” dall’omonimo fotografo, che è amico ed ospite ogni anno del Festival. Per informazioni: www.universocorto.org