Terribile esplosione verificatasi questa mattina a Modugno, in provincia di Bari, in un’azienda di fuochi pirotecnici, la ditta Bruscella. Secondo un primo bilancio, nella tragedia sono morte 7 persone e una decina sarebbero i feriti. Tra i coinvolti ci sarebbero Michele e Vincenzo Bruscella, figlio e fratello del fondatore, e due dei soccorritori. Le vittime accertate sono Vincenzo Armenise, Giuseppe Pellegrino, Vincenzo De Chirico, gli indiani Banga Harbaajan e Nigah Kumar, l’albanese Merja Samir, Michele Pellicani. Al momento delle esplosioni, avvenute poco dopo mezzogiorno, nello stabilimento erano presenti circa 15 lavoratori. Gli investigatori stanno verificando anche l’ipotesi che una prima esplosione sia avvenuta durante le operazioni di trasbordo degli artifizi da una ‘casamatta’ in un furgone, per trasportarli a Cassano Murge (Ba) per la festa patronale. Lo spostamento d’aria avrebbe così innescato una serie di esplosioni a ‘catena’ delle costruzioni e dei depositi di materiale pirotecnico e l’onda d’urto avrebbe coinvolto anche una persona che si trovava nelle campagne circostanti. Come riferisce la tv locale pugliese Telenorba, una signora interpellata ha raccontato: “Lo spostamento d’aria è stato pazzesco, credevo fosse caduto un elicottero”. Allo stato attuale, continuano le operazioni dei Vigili del Fuoco che, durante il loro intervento, hanno effettuato alcune piccole esplosioni controllate per mettere in sicurezza alcuni edifici nelle vicinanze del sito in fiamme