Gli interni in pelle sono un classico, gli esterni una novità assoluta. L’esemplare della 500 offerta dalla Fiat per il “I Defend Gala 2015” è il numero 1 della produzione dopo il restyling, come certificato dal presidente di FCA John Elkann in persona. La cabrio bianca con tetto di tela bordeaux è stata decorata da Stefano Conticelli, artigiano umbro specializzato nella lavorazione del cuoio: la pelle di vitello – trattata per resistere agli agenti atmosferici, dice la Fiat – è stata usata anche per la realizzazione del cestino da picnic applicato sul portellone, mentre le calotte degli specchietti sono rivestiti in mogano. Durante il galà di ieri sera, che si è tenuto a Monaco del Tunnel Riva dove vengono rimessati gli yacht, sono andati all’asta un totale di 40 lotti – con asta “live” e “silent auction”, in cui ci si aggiudica silenziosamente le opere attraverso dispositivi digitali – di cui la 500 era il più importante. A combattersi l’auto, racconta l’organizzatore Federico Moro, sono stati un donatore cinese e uno americano: ha avuto la meglio quest’ultimo, che si è aggiudicato la vettura per 55.000 euro. Nel complesso, i 200 ospiti hanno donato 300.000 euro; saranno destinati all’associazione Robert F. Kennedy che si occupa di diritti umani.