Abbandonare troppo presto la scuola mette a repentaglio la salute. E taglia le speranze di vita di ben 10 anni. Lo sostiene uno studio finanziato dall’università del Colorado, recentemente pubblicato da ‘Plos One‘ che ha messo in relazione la maggiore esposizione alle malattie fisiche e mentali con la bassa scolarizzazione. Secondo la ricerca, chi possiede un livello base di istruzione avrà più probabilità di svolgere nella vita un lavoro manuale usurante e di soffrire di malattie mentali.

Analizzando i dati della popolazione americana dal 1925, si è dimostrato l’impatto dell’istruzione sulla salute. A quanto stimato dalla ricerca, nel solo 2010, si sarebbero potuti evitare circa 145.000 decessi se gli adulti presi in esame avessero conseguito una qualifica di base. L’ abbandono scolastico oltre a provocare una minore capacità nell’affrontare problemi legati al proprio benessere genera, nel campione preso in esame, condizioni di vita e lavorative tali da influire negativamente sulla salute cardiovascolare e sul sistema immunitario.

Patrick Krueger, uno degli autori della ricerca e professore ordinario dell’università del Colorado, spiega: “I nostri risultati dimostrano che le politiche che puntano a migliorare l’adesione scolastica, migliorano anche la salute della popolazione, soprattutto se si tiene in considerazione il peggioramento delle diseguaglianze nell’educazione in America. Se questa tendenza non cambierà, il tasso di mortalità attribuibile alla mancanza di istruzione continuerà ad aumentare”.