“Si tratta di singoli macchinisti che stanno danneggiando i cittadini solo perché io ho preteso che firmassero il cartellino. E solo perché vogliamo che lavorino come i loro colleghi di Napoli o di Milano”. Così il sindaco di Roma, Ignazio Marino, in un video messaggio pubblicato sulla propria pagina Facebook, ha spiegato gli enormi disagi e il caos che da giorni stanno subendo i passeggeri romani della metropolitana A, B, B1 e Roma-Lido, ostaggi delle stazioni anche per 50 minuti a causa di presunti guasti e incovenienti tecnici che rallentano o bloccano il regolare servizio. Una situazione drammatica, così come dimostra questo video pubblicato da Roma Post. Decine di persone, accalcate sulla banchina di una fermata della tratta Roma-Lido, esasperate dal ritardo e dal caldo inveiscono contro i macchinisti. Volano parole grosse e i nervi sono tesi. “Vergogna, ci stiamo sentendo male. Ci state facendo morire“, dice una signora. Poi un ragazzo comincia a battare i pugni contro il vetro della cabina in cui si trova il conducente e urla: “Pezzo di merda, noi da una vita timbriamo il cartellino”. Un altro passeggero aggiunge: “Questo è sequestro di persone e pagherete caro per quello che state facendo”