Andrea Maffi, il quarantenne di Villongo (Bergamo) trovato morto ieri nella sua casa a Watamu, in Kenya, è stato ucciso, probabilmente a coltellate. Lo scrive l’Eco di Bergamo. Non si conosce ancora la dinamica, ma la famiglia ha confermato la notizia dell’uccisione. “Quello che stanno dicendo è anche quello che noi sappiamo”, racconta una zia di Maffi. Oggi il padre e il fratello sono partiti per il Kenya, anche se occorrerà aspettare per il rientro della salma in Italia, visti i lunghi tempi delle pratiche burocratiche.

L’operatore turistico, che viveva in Kenya da una quindicina d’anni, aveva smesso da qualche giorno di rispondere a chiamate e sms. Poi il ritrovamento del cadavere. In un primo momento si era pensato a un malore, ma successivamente è stato dimostrato che si è trattato di omicidio. La Farnesina si è limitata a confermare la morte di Maffi e sta fornendo tutta l’assistenza necessaria ai parenti. Il corpo è stato affidato alla polizia scientifica di Mombasa, che sta cercando di ricostruire le circostanze esatte della morte.