Caos e apocalisse sono due tra le parole più usate dai media internazionali per descrivere i giorni a ridosso del referendum. Tra i vari allarmi lanciati dai quotidiani c’è l’assenza dei turisti. Per controllare la veridicità di tutto questo le telecamere de ilfattoquotidiano.it hanno fatto un giro per le zone di Atene dove si concentrano le attrazioni dei vacanzieri. La zona dei musei archeologici è piena, come sempre. Anche l’area commerciale è presa d’assalto da carovane di stranieri, che acquistano compulsivamente. Anche gli alberghi, durante il weekend del referendum sono al completo. Secondo uno dei siti più diffusi per le prenotazioni oltre il 70 per cento delle camere sono piene  di Cosimo Caridi