Hanno finto di voler fare un bonifico e poi hanno cominciato a minacciare verbalmente e senza armi le cassiere. E’ di 100mila euro il bottino della rapina di due uomini e una donna all’agenzia del Banco di S.Geminiano e S.Prospero di Bologna. I tre, lunedì 29 giugno, hanno tenuto sotto sequestro per oltre un’ora 9 persone (tre dipendenti, 5 clienti e l’addetto alla pulizie), per aspettare l’apertura di casse e bancomat temporizzati. Poi, dopo avere rinchiuso tutti in bagno, sono fuggiti.

Mentre uno dei tre banditi chiedeva di trasferire del denaro, la donna ha aggredito la cassiera, come riporta il Resto del Carlino, gridando: “Ferma o ti taglio la gola”. I soldi sono stati prelevati in due fasi: in un primo momento, dopo l’apertura della cassa, i ladri sono riusciti a sottrarre 50mila euro, poi con l’aiuto di una terza persona hanno preso in ostaggio i dipendenti in un ufficio e aspettato che fosse possibile un prelievo di altri 48mila euro.